Seleziona una pagina

 

La funzione del fegato può essere compromessa da alcune condizioni relativamente frequenti: la colestasi, l'iperemesi e la preclampsia (o gestosi).

Durante la gravidanza tutti gli organi della donna sono coinvolti in mutazioni fisiologiche che possono essere accompagnate dalla comparsa di diversi disturbi. Tra gli altri, possono insorgerne alcuni che rappresentano un campanello di allarme di malattie epatiche tipiche della gestazione. E' quindi importante saperli individuare e segnalarli al proprio ginecologo, in modo che possa valutarli ed eventualmente intervenire con cure adeguate.

I principali segnali di disturbi del fegato durante la gravidanza sono rappresentati da:

PRURITO, che inizialmente interessa le palme delle mani e dei piedi e poi si generalizza a tutto il corpo e che può essere un sintomo di colestasi gravidica;

NAUDEA E VOMITO, disturbo molto comune, ma che in alcuni casi può essere severo e sintomatico dell'iperemesi gravidica;

CRISI IPERTENSIVE: la pressione del sangue deve essere sempre tenuta sotto controllo; un suo aumento può segnalare un'insorgente preeclampsia;

DOLORI ADDOMINALI.